Seguici su
Cerca
-

Il territorio

Il torrente Palobbia

Il torrente che scorre a fianco del centro abitato è il Palobbia, uno dei maggiori affluenti dell'Oglio nel bacino imbrifero di Vallecamonica. Le sue acque, copiose in primavera e in autunno, derivano dalle montagne del Listino e del Galiner e scendono, quando il torrente è in piena, talmente impetuose da portare con sè sassi di notevoli dimensioni; ciò, in tutti i tempi, ha sempre provocato danni alle persone, alle case e alle colture. La storiografia ufficiale ricorda nei secoli la date delle epidemie e, a fianco di queste, le date delle alluvioni che hanno colpito Braone (1545 - 1634 - 1644 - 1789 - 1845 - 1882 - 1960). Interventi in muratura vennero compiuti nel 1644 per aiuto del doge di Venezia Francesco Erizio e nel 1846 con la costruzione di un solido argine (Arca) che risparmiò il paese dalla grande alluvione del 1960. In quest'ultima tuttavia il Palobbia distrusse il ponte in legno, alcune strade secondarie e asportò molti terreni della "Prada". In quella terribile circostanza perse la vita anche una persona del paese (Recaldini), che svolgeva mansioni di guardiano agli impianti idrici. In questi ultimi anni il Genio Civile ha approntato opere adeguate di riparo, per cui le piene del torrente dovrebbero dare meno preoccupazioni per l'avvenire. Ma, nonostante il Palobbia sia sempre stato temuto per le sue alluvioni, vi è sempre stato un certo amore e interesse per questo corso d'acqua, che ha dato da vivere agli abitanti di Braone. Infatti le derivazioni d'acqua hanno fornito e forniscono l'irrigazione a tutta la zona agricola, dal suo letto si asportano pietre di granito per l'edilizia, le sue acque convogliate in condotte forzate alimentano due centrali dell'Enel e fino a 60 anni fa esistevano ed erano in funzione una fucina una segheria e 2 mulini. Tutto ciò fa comprendere come la popolazione di Braone abbia sempre temuto e contemporaneamente amato questo torrente e, con le sue abitazioni, non si sia mai staccata da esso.

Braone 01 Marzo 2000
Rino Prandini

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento
31 May 2021